giovedì 19 aprile 2018 23:27
default-logo
Antonio Marziale

Episodi incendiari, Marziale: «Il pres. Bova si attivi con iniziative nelle scuole»

Reggio Calabria. “Le ricadute dei recenti episodi incendiari, che hanno coinvolto la scuola di Ricadi (VV) e l’asilo Santa Venere di Reggio Calabria, non possono esaurirsi in parole di indignazione. Occorre una presa di coscienza che vada oltre le disamine e getti le basi per una risposta sociale concretamente volta alla tutela del futuro delle vittime di queste azioni criminali, i bambini”. E’ quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria. “Non sta a me – spiega il Garante – stabilire le motivazioni e le matrici di questi attentati, ma per chi conosce il territorio non è difficile immaginare che, essendo la scuola contenitrice di servizi esterni, che vanno dalle ristorazioni alle ristrutturazioni ad altro ancora, intorno ad essa ruotano appetenze economiche, potenzialmente individuabili come obiettivo dei danneggiamenti. Ma, la scuola è altro. La scuola è la casa di formazione dei bambini, è luogo di formazione identitaria, è luogo di cultura, che sola può prevenire un divenire affrancato dalle logiche criminali, è speranza di un cambiamento fino ad oggi soltanto immaginato. E tutto ciò è patrimonio insostituibile, che tutti siamo chiamati a difendere con le unghie”. “Per le ragioni sin qui esposte – continua Marziale – chiedo al presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria, on. Arturo Bova, di volersi attivare subito in favore di iniziative sul territorio che avvicinino le famiglie alla scuola come mai prima d’ora, al fine da generare una barriera sociale e culturale più forte delle mura incendiate. I bambini hanno bisogno di avvertire il coraggio degli adulti di prossimità, per imparare a non avere paura, per capire che la criminalità non è la soluzione ai problemi che la vita irrimediabilmente porrà innanzi al loro cammino, per rigettare le tentazioni di una forza distruttrice che mai ha avuto rispetto di loro, per rispedire al mittente la leggenda che vuole una mafia attenta a non fare male ai bambini, perché la storia è tragicamente segnata da soprusi e omicidi di piccole, ignare ed innocenti creature”. “Mi auguro che il presidente Bova voglia attivarsi nel senso auspicato – conclude il Garante – perché non si può parlare di diritti dei minori in una terra dove la ‘ndrangheta lavora ogni giorno per uccidere il futuro”.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo