mercoledì 25 aprile 2018 07:00
default-logo

Famiglie, giovani, pensionati: il conto corrente on line mette tutti d’accordo

Dall’ultima un’indagine annuale della Banca d’Italia sul costo dei conti correnti delle famiglie, emerge che nel 2015 la spesa media di gestione di un conto corrente è stata di 76,5 euro. Un costo che risulta più basso di 5,8 euro rispetto al 2014 soprattutto perché a diminuire sono gli oneri fissi –  tra questi principalmente i canoni di base – e le commissioni.
Famiglie, giovani o pensionati hanno esigenze diverse in fatto di conto corrente, ed è per questo che le banche hanno realizzato linee e prodotti specifici per ogni fascia d’età e necessità.
Nello studio “L’educazione al valore del denaro nella generazione Z”,  messo a punto dalla Doxa per American Express e Fondazione per l’Educazione Finanziaria, ad emergere è la tendenza dei più giovani ad utilizzare la moneta elettronica.
Il 48% dei più giovani in Italia porta con sé uno strumento di pagamento elettronico, che preferisce al contante, e decide di aprire un conto corrente con il denaro che riceve in regalo da parenti in occasione delle festività, del compleanno, per un buon voto a scuola, oppure dalla paghetta che ottiene regolarmente dai genitori.
L’utilizzo dell’internet banking caratterizza maggiormente i giovani, e soprattutto le famiglie dove tutti i componenti lavorano ed hanno meno tempo a disposizione per mettersi in coda agli sportelli bancari, ed effettuare  bonifici e pagamenti.
Oltre alla comodità, l’internet banking offre i servizi bancari a costi decisamente inferiori, e quindi attrae grande interesse.
Per avere un’idea del costo complessivo di un conto corrente è bene rifarsi all’ISC – Indicatore Sintetico di Costo – che delinea un’analisi in base alle spese e alle commissioni, addebitate al cliente nel corso dell’anno.
L’ISC presuppone un conteggio in base a uno o più “profili di operatività tipo” (famiglie e pensionati) individuati dalla Banca d’Italia.
Gli istituti di credito spesso mettono a disposizione dei pensionati conti correnti a zero spese. Parliamo ad esempio del classico ‘conto base‘ dove accreditare la pensione e poter compiere le operazioni tipiche come prelievi, pagamenti, grazie all’ausilio di una carta bancomat, e la domiciliazione delle bollette.
Anche i pensionati possono trovare nei conti on line ottime opportunità.
Per farsi un’idea più specifica di quali offerte si può fruire, vale la pena fare una ricerca sulle pagine web, attraverso uno dei tanti siti che offrono guide, news, e informazioni specifiche sulle promozioni,  per consentire all’utente di essere sempre aggiornato e scegliere con maggiore consapevolezza.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo