domenica 22 aprile 2018 01:01
default-logo

Basket: una Viola in crisi cerca riscatto contro Tortona

Reggio Calabria. Ennesima trasferta a dir poco complicata per la Viola Reggio Calabria, che per la decima giornata di campionato arriva sul difficile parquet del PalaFerraris di Casale Monferrato, per sfidare la Orsi Tortona di coach Demis Cavina. La squadra piemontese si trova al secondo posto della classifica di A2 girone Ovest, a 14 punti assieme a Siena e Legnano. Meglio di loro solo l’Angelico Biella, contro cui Tortona ha perso la sua unica partita casalinga. La Viola naviga in tutt’altro tipo di acque, essendo staccata di ben 10 punti dalla sua prossima rivale. I neroarancio, infatti, occupano l’ultima posizione della classifica con 4 punti, assieme a Scafati e Casale Monferrato.
Coach Cavina può contare su un roster giovanissimo, trascinato ovviamente dai due americani Cosey e Green, in cabina di regia assieme a Davide Reati. Il frontcourt titolare, invece, è formato dal duo Ricci-Cucci, mentre l’esperto Luca Garri esce dalla panchina per dar manforte ai compagni sotto canestro. In uscita dalla panchina anche Alviti e Maschepa che combinano per 10 punti di media. Dall’altra parte la squadra di coach Paternoster, che nell’ultima uscita ha un po’ mischiato le carte, schierando Caroti, Guaccio e Fallucca nello starting five al posto di Fabi, Lupusor e Marulli. L’unico giocatore neroarancio ad aver tenuto un rendimento costante è il centro croato Ivica Radic, che viaggia a 18.7 punti di media e 12.3 rimbalzi per partita, di cui 9 difensivi. La continuità che ha contraddistinto il lungo in maglia numero 3 è sicuramente mancata finora al giocatore forse più atteso in casa Viola: Alex Legion. In calo anche il capitano neroarancio Augustin Fabi, chiamato al riscatto prendendosi anche qualche responsabilità in più sul parquet.
Il dato statistico più preoccupante è il tiro dalla distanza, con appena il 30% di tiri mandati a segno da oltre l’arco dei 3 punti.
Una partita sicuramente difficile quella del PalaFerraris, che la Viola dovrà affrontare con rabbia e determinazione per uscire da questa crisi e riportare in riva allo Stretto un risultato utile che manca da 4 partite consecutive.

Giovanni Foti

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo