sabato 21 aprile 2018 17:01
default-logo
Sul Sindacato Unitario Lavoratori

Polizia Municipale. Il Sul ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica

Reggio Calabria. Nella giornata odierna il SUL, assistito dall’avv. Fabio Violi, rende noto in un comunicato stampa di avere presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria per i noti avvenimenti nel settore della Polizia Municipale e che riguardano l’atteggiamento dell’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria e della dirigenza del settore e di quella generale. Si chiede di appurare se vi siano estremi di reato negli atti compiuti, che il SUL ritiene illegittimi, come spesso pubblicamente denunciato.

L’esposto è stato firmato dagli eletti nelle RSU nella lista del SUL (Antonino Lopresto, Consolato Rieto, Loredana Azzarelli, Giovanni Mauro) e dal segretario Aldo Libri e lamenta:

  1. l’assenza di requisiti per la nomina dell’attuale Dirigente-Comandante;
  2. la pendenza penale che lo coinvolge e per la quale è stato assegnato proprio alla Polizia Municipale il compito di svolgere indagini quale polizia giudiziaria. In questo processo vi sono dipendenti della Polizia Municipale chiamati ad indagare ed a testimoniare e, pertanto, la nomina appare in spregio all’orientamento espresso dalla Autorità Anticorruzione;
  3. la stessa Autorità Anticorruzione ritiene “inconferibile” l’incarico in moltissime situazioni analoghe.

«Il SUL – prosegue la nota stampa del Sul Reggio Calabria a firma del segretario Aldo Libri – ha dovuto investire la massima autorità investigativa del compito di accertare la correttezza degli atti perché si è trovato di fronte una Amministrazione che non ha voluto dialogare, comprendere le ragioni dei dipendenti vessati da un diluvio di contestazioni disciplinari insussistenti e da un clima pesantemente repressivo. La Giunta Comunale non ha ritenuto di dover intervenire per sanare una situazione che è stata più volte sottoposta alla loro attenzione e che, per il SUL, è notoriamente di palese illegittimità».
«Il SUL – conclude Libri – continuerà a fornire ogni tutela ai dipendenti comunali che sono stati fatti oggetto di contestazioni disciplinari ed ha deciso di continuare a produrre atti, in sede legale, a tutela dei diritti dei lavoratori, che riteniamo ingiustamente violati».

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo