giovedì 26 aprile 2018 11:37
default-logo
Serafino Nucera

Bollette idriche: sinergia fra Comune, Reges e Associazioni consumatori

Reggio Calabria. I rappresentanti del Comune, della Reges e di alcuni Associazioni dei consumatori si sono incontrati per fare il punto della situazione. Un passaggio che si inserisce nel solco della collaborazione che Palazzo San Giorgio ha voluto avviare e soprattutto per tentare di trovare percorsi condivisi rispetto alle tante incognite dei cittadini sulle bollette in scadenza. Trattasi di un appuntamento finalizzato a superare qualche incomprensione registrata rispetto ai tempi delle convocazioni, al protocollo d’intesa e al coinvolgimento delle Associazioni. “Un incontro utile, sottolinea l’Assessore comunale al bilancio e tributi, Irene Calabrò, rivolto a fare chiarezza sulle modalità di fatturazione: quelle effettive e quelle stimate attraverso una proiezione dimostrativa delle due tipologie delle bollette”.
L’Assessore Calabrò spiega che sono state inviate circa 86 mila bollette di cui quelle con il consumo stimato sono una percentuale non altissima. Rispetto alle istanze che abbiamo ricevuto, obiettivamente risultano delle fatture non precise. Abbiamo chiarito quindi le possibili soluzione per risolvere il problema. Si può procedere con l’istanza di ricalcolo delle fatture nelle varie modalità sia allo sportello, sia tramite i canali on line mediante i modelli presenti sul sito della Reges (soluzione consigliata al fine di evitare tempi di attesa allo sportello). Per poter procedere in tal senso è abbastanza facile: basta compilare il modulo e allegare un dato certo cioè la copia della ricevuta della lettura inviata entro il 31/03/2016 o relativa foto del contatore. Alla luce di queste premesse l’Assessore lancia un appello: “Chiediamo la collaborazione dei contribuenti precisando che chi non ha la possibilità di accedere ad internet può fare istanza, sarà un operatore della Reges a fare adeguata verifica”. Nell’ottica di una proficua collaborazione le associazioni presenti si sono dimostrati disponibili a mettere a disposizione i propri sportelli per aiutare i propri assistiti alla compilazione e all’invio del modello di ricalcolo. L’A.D. della Reges, Serafino Nucera fa presente che nonostante le innumerevoli vicissitudine, grazie alla collaborazione delle associazione di volontariato, la Reges per la fatturazione 2016 ha effettuato all’incirca 60 mila passaggi/letture contro le 25 mila del 2015 e le 20 mila del 2014, per cui la fatturazione è stata elaborata su dati certi. La restante parte , circa 26 mila bollette, sono state calcolate con modalità di consumo stimato. Lo stesso si sofferma a dare dei chiarimenti sui casi di bollette calcolate su consumo stimato. Trattasi dei seguenti casi:

  • il letturista non è stato messo nelle condizioni di poter effettuare la lettura poiché il misuratore si trova all’interno dell’abitazione;
  • malfunzionamento dello stesso;
  • case disabitate non segnalate come tali con consumo pari a zero per diversi anni;
  • letture comunicati dopo il 31 Marzo.

Dati gli opportuni chiarimenti le parti si congedano impegnandosi ad una continua e reciproca collaborazione.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo