domenica 22 aprile 2018 00:44
default-logo

Focus ‘ndrangheta. Lotta al caporalato, operazione di polizia nella Piana: controllate 7 aziende

Reggio Calabria. Proseguono anche nell’anno appena cominciato le attività di contrasto al caporalato e al lavoro nero e illegale disposte dal Prefetto Michele di Bari nell’ambito delle misure comprese nella Direttiva del Ministro dell’Interno del 23 aprile 2014 denominata “Focus ‘ndrangheta – Piano d’azione nazionale e transnazionale”, implementate in sede di Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica ed affidate, sotto il profilo operativo, al Tavolo Tecnico Interforze.
Si è svolta, infatti, lo scorso 13 gennaio un’operazione di Polizia nei territori di Rosarno, Rizziconi, Laureana di Borrello e San Ferdinando nel corso della quale sono state controllate 7 aziende agricole, due delle quali sono risultate riconducibili a cosche di ‘ndrangheta. I dipendenti sottoposti a verifica sono stati complessivamente 31 (17 extracomunitari, 8 italiani e 6 comunitari), risultati tutti in posizione regolare rispetto alle norme sul lavoro. Nella circostanza è stata contestata a due soggetti la violazione dell’art. 17 c.3 del R.D. 1775/33 (relativa allo sfruttamento di acque pubbliche per uso domestico derivanti da un pozzo realizzato in assenza di provvedimento autorizzativo) con conseguenti sanzioni amministrative di € 30.000 ciascuno.
Importante è stato l’esito dei controlli, considerato che la maggior parte delle aziende in questione, e ciò va evidenziato, è risultata in linea con le norme sul lavoro. Si tratta di un segnale positivo, frutto dell’incessante attività di prevenzione svolta da questa Prefettura, dalle Forze di Polizia, comprese quelle Locali, e dalla Direzione Territoriale del Lavoro, che mira anche a favorire atteggiamenti di responsabilità sociale. Durante lo scorso anno le unità interforze di Polizia, integrate da operatori della Polizia Provinciale e coadiuvate da personale della Direzione Territoriale del Lavoro e della locale Azienda Sanitaria Provinciale hanno condotto un’ attività di controllo e vigilanza che ha interessato complessivamente 203 aziende, operanti in prevalenza nel settore agricolo ed edilizio, e 1.110 lavoratori (di cui 304 extracomunitari). Le operazioni sono sfociate nella denuncia di 35 persone e nella contestazione di 170 sanzioni amministrative per un valore complessivo di Euro 1.202.998,25. I controlli sono stati effettuati in entrambi i versanti della provincia, riservando un’attenzione particolare al territorio della Piana di Gioia Tauro in cui maggiore è la presenza di cittadini stranieri. Le attività di contrasto proseguiranno ancora nell’ottica della citata Direttiva del Ministro dell’Interno, il cui primario obiettivo è quello di garantire, attraverso una strategia di controllo del territorio, l’osservanza dei principi di legalità in tutti quegli ambiti della società civile minacciati dalla presenza delle organizzazioni della ‘ndrangheta.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo