venerdì 27 aprile 2018 08:50
default-logo
Gaetano Paci

“Radio Libertà”. Dialogo su musica e legalità

Reggio Calabria. Cosa ci fanno seduti – l’uno accanto all’altro – un sociologo, un giornalista e un magistrato? E’ la strana “band” di “Radio Libertà” che il 27 gennaio andrà “sul palco” del Circolo Venezia a Reggio Calabria. Il sociologo Fulvio D’Ascola, il giornalista Claudio Cordova e il procuratore aggiunto Gaetano Paci in un dialogo a tre voci sulla potenza della musica e su come essa possa rappresentare una forma straordinaria di cultura e riscatto anche in territori difficili come quello calabrese. Dal soul al rock, passando per il jazz e per la musica popolare calabrese. Bob Dylan, Bruce Springsteen, Marvin Gaye, Otis Redding e, ancora, Patti Smith, Tracy Chapman, Bob Marley, Fabrizio De André, Rino Gaetano e i geni del jazz e del blues. Il viaggio di D’Ascola, Cordova e Paci alle radici di alcune delle canzoni più significative della storia. Un modo nuovo per ritrovare il senso disperso di comunità, ma anche un modo nuovo per discutere di legalità. Attraverso le canzoni contro la guerra o contro il razzismo, ripensando alla musica di impegno civile e a quella che ha dato voce a minoranze dimenticate, la serata di “Radio Libertà” condurrà verso quello che deve essere l’obiettivo di tutti: affrancare Reggio Calabria e la Calabria dalla ‘ndrangheta e dalle logiche mafiose.
‘Ndrangheta che controlla tutto o quasi: la vita pubblica, quella economica e quella sociale. ‘Ndrangheta che ha disgregato la società, creando un atavico senso di diffidenza dei cittadini, non solo verso le Istituzioni, ma anche l’uno verso l’altro. La musica, in tal senso, è uno dei più potenti mezzi di cultura e può contribuire a risvegliare i valori nobili e positivi che certamente albergano nei reggini. Da qui, dunque, la “band”, eterogenea, ma allo stesso tempo capace di scandagliare le varie sfaccettature di musica e legalità: Cordova nell’analizzare i fatti e metterli in correlazione con essi, D’Ascola nel mostrare come la musica, da sempre, abbia inciso sensibilmente sulle società mondiali e Paci, come simbolo della lotta repressiva alla ‘ndrangheta che, però, senza il contributo della gente non potrà che essere insufficiente. La serata di “Radio Libertà” si terrà venerdì 27 gennaio a partire dalle 19.30 presso il Circolo Venezia in via Venezia n.14. All’interno del locale sarà presente uno spazio curato dalla Libreria Ave dove sarà possibile acquistare libri sui temi affrontati dai tre relatori. La partecipazione al dibattito è gratuita. Al termine della conversazione, per chi vorrà continuare a chiacchierare della forza della musica, il Circolo Venezia allestirà un buffet di apericena. Partecipazione al buffet, con un bicchiere di vino, al costo di 10 euro.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo