giovedì 26 aprile 2018 07:29
default-logo
Luciano Gerardis

L’inaugurazione dell’anno giudiziario nella scuola allievi Carabinieri

Reggio Calabria. L’inaugurazione dell’anno giudiziario a Reggio Calabria si terrà presso la scuola allievi Carabinieri, anziché come di consueto nel palazzo della Corte d’Appello, alla presenza del ministro dell’Interno Marco Minniti, della presidente della commissione parlamentare antimafia Rosi Bindi e del comandante generale dell’Arma. Ad annunciare la novità è stato il presidente della Corte d’Appello, Luciano Gerardis, nel corso di una conferenza stampa tenuta stamattina in sede. “Abbiamo sperato fino all’ultimo di poter utilizzare il nuovo auditorium presso il nuovo palazzo di giustizia – ha spiegato Gerardis ringraziando per l’impegno sia il Comune di Reggio Calabria che il ministero della Giustizia – ma purtroppo ragioni burocratiche hanno ostacolato questa soluzione”. La scelta, quindi, per assicurare una più ampia partecipazione di pubblico e anche per ragioni di sicurezza dettate dalla presenza delle alte autorità, tra cui il sottosegretario alla Giustizia, Migliore, e il magistrato Luca Palamara del Csm, è ricaduta sulla scuola allievi. “L’unica sede capiente – ha sottolineato il presidente – che assicura tutte le esigenze è la scuola allievi Carabinieri, ho chiesto all’Arma di dare disponibilità e ha risposto con slancio. So bene che non è una sede di giustizia, ma una sede necessitata, ringrazio l’Arma per l’opportunità”. Il giorno prima, invece, presso la sala Versace al Cedir avrà luogo un incontro dedicato alla società civile, grazie al quale i rappresentanti delle associazioni che si occupano di diritti o singoli cittadini potranno esporre i problemi di giurisdizione, con l’unico limite che si tratti di temi generali e non di singoli casi giudiziari. Al termine dell’incontro è previsto lo spettacolo dal titolo “Un diritto messo di traverso”, del magistrato Salvatore Cosentino.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo