domenica 22 aprile 2018 20:23
default-logo

Vibo Valentia. Istituito il 14° Battaglione Carabinieri Calabria

Vibo Valentia. Oggi a Vibo Valentia, presso la caserma “Luigi Razza”, si è tenuta la cerimonia di istituzione del 14° Battaglione “Calabria”, alla presenza, tra gli altri, del Ministro dell’Interno, Senatore Marco Minniti, del Ministro della Difesa, Sen. Roberta Pinotti, del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Tullio Del Sette, nonché delle principali Autorità Giudiziarie, Amministrative e Religiose.
Il 14° Battaglione “Calabria” viene istituito al fine di incrementare la presenza dell’Arma nella Regione. Si tratta di un nuovo reparto particolarmente addestrato e qualificato nei settori del controllo del territorio e della gestione dell’ordine pubblico.
La significativa iniziativa, fortemente voluta dal Comando Generale ed approvata dai Ministeri della Difesa e dell’Interno, contribuirà a sostenere la già incisiva azione svolta dall’Arma territoriale nell’azione di controllo della Regione e di contrasto ai fenomeni di criminalità organizzata. Inoltre il 14° Battaglione “Calabria” sarà una risorsa che all’occorrenza potrà essere dedicata alla ricerca dei latitanti, attività quest’ultima svolta in armoniosa sinergia operativa con lo Squadrone “Cacciatori di Calabria”. La cerimonia vedrà schierate: la bandiera di guerra e la fanfara del 10° Reggimento Campania, due compagnie del battaglione, una compagnia dei “Cacciatori”, rappresentanze dei Comandanti di Stazione, dei Carabinieri Forestali, delle Associazioni dell’Arma in congedo, dell’ONAOMAC e delle specialità elicotteristi e cinofili.
La cerimonia si è conclusa con la formula di riconoscimento di Autorità al Comandante, tenente colonnello Milko Verticchio, al quale il Ministro dell’Interno ha consegnato lo scudetto omerale del nuovo battaglione. La cerimonia ha visto inoltre la partecipazione di circa 300 studenti di istituti scolastici della provincia, ulteriore conferma dello stretto legame tra l’Arma dei Carabinieri e i giovani cittadini.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo