domenica 22 aprile 2018 01:02
default-logo

Anassilaos presenta la “Storia del cinema di animazione”

Reggio Calabria. “Storia del cinema di animazione dalle origini al 1943” è il tema della conversazione promossa dalla Sezione Giovanile dell’Associazione Culturale Anassilaos che si terrà martedì 7 marzo alle ore 17,30 presso la sala di San Giorgio al Corso. Con tale incontro ci si propone di ripercorrere le tappe fondamentali della nascita e dello sviluppo del disegno animato e del cinema d’animazione, ricordando gli autori che per primi hanno profuso tutte le loro energie e tutto il loro genio per lo sviluppo di tale forma espressiva. A relazionare sarà lo stesso presidente di Anassilaos giovani Tito Tropea, appassionato studioso del cinema di animazione. Il fascino dell’animazione ha da sempre attirato l’attenzione dell’uomo in tutte le fasi della sua vita. L’animazione però è anche, anzi è soprattutto arte, una forma espressiva potente ed immediata capace di trasmettere le più variegate emozioni ed i più disparati messaggi. È sbagliato intendere il disegno animato come un mero strumento di svago indirizzato ad una sola e specifica fascia d’età. L’animazione non è solo intrattenimento ma è approfondimento, riflessione, poesia, è un punto di vista sul mondo e sull’’uomo osservato attraverso la gioia del colore e rappresentato attraverso la metafora dei personaggi. Nel corso della verranno riproposti e analizzati personaggi diversi personaggi, Topolino, Betty Boop, Braccio di ferro per citarne solo alcuni, che oggi possono essere definite star, icone pop del 900. Il relatore, quale omaggio alla Giornata della Donna si intratterrà particolarmente sulla figura di Betty Boop, uno dei primi personaggi dell’animazione “al femminile”, realizzata nel 1932, che offre l’immagine di una donna spigliata e anticonformista, dalla intensa carica erotica, espressione di quell’età del jazz che ha caratterizzato una parte della storia recente della grande repubblica americana.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo