domenica 22 aprile 2018 01:00
default-logo
Alessandro Nicolò

Porto di Gioia Tauro. Nicolò (FI): “Siamo vicini ai lavoratori affinché siano scongiurati licenziamenti”

Reggio Calabria. “Non si può continuare a tergiversare su un polo strategico fondamentale per i collegamenti ed il transhipment dell’intero Mezzogiorno mentre la società Medcenter che gestisce il porto di Gioia Tauro non intende arretrare sulle sue decisioni riducendo il numero degli addetti considerati esuberi, cosi come chiesto dalle organizzazioni sindacali di categoria”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Forza Italia alla Regione, Alessandro Nicolò rilevando: ”E’ gravissima la totale assenza e la mancata presa di posizione del Governatore Oliverio che dovrebbe intervenire prospettando soluzioni autorevoli e chiare a difesa dei lavoratori”.
“Ci chiediamo – continua il capogruppo di Forza Italia – cosa stia facendo e quali iniziative adotterà la Giunta regionale trincerata dentro le mura della Cittadella mentre al porto di Gioia si sta trattando per salvare centinaia di posti di lavoro. Un atteggiamento che non ha scusanti in considerazione del disinteressamento del Governo centrale che non perde occasione di dimostrare come la Calabria non rientri tra le priorità dei suoi programmi e delle sue scelte politiche.” E ancora: “Già qualche settimana addietro, peraltro, avevamo denunciato l’esclusione del Porto di Gioia, a favore degli scali di Trieste e Genova, nella trattativa economica avviata da Roma con i Paesi asiatici per l’incremento dei flussi commerciali della nuova ‘Via della Seta’. Un accordo che vede il porto calabrese brillare per …assenza date che se n’era persa ogni traccia nonostante le reiterate promesse di rilancio.” “Adesso – prosegue l’esponente politico – un nuovo colpo, un altro tassello negativo che rischia di lasciare conseguengenze da cui la Regione potrebbe non rialzarsi più.  Intanto, infatti, Msc ha dirottato le sue navi container verso altre rotte. E tutto questo avviene con una classe dirigente assoggettata alle contorte logiche di un Governo nazionale che considera, ancora una volta, la Calabria ‘un fastidio’ e non una risorsa per il Paese, privilegiando strategie che tagliano il nostro territorio dal resto dell’Italia”.
“Siamo solidali – conclude l’esponente di Forza Italia- e vicini ai lavoratori e alle famiglie dello scalo gioiese affinchè possano essere scongiurati licenziamenti di massa che andrebbero ad incidere negativamente su un tessuto sociale già fragile. Continueremo a lavorare per quelle che sono le nostre competenze e, altresì, a batterci per salvaguardare le maestranze del Porto di Gioia Tauro”.

About the Author

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo