martedì 24 aprile 2018 10:13
default-logo
L'avv. Antonino Napoli

Operazione Cumbertazione. Tribunale della Libertà scarcera il geometra Rocco Leva

Reggio Calabria. Il Tribunale della Libertà di Reggio Calabria (presieduto dalla dott.ssa Valentina Fabiani e con a latere i giudici Maria Cecilia Vitolla e Mariarosaria Savaglio) ha accolto il riesame proposto dalla difesa de geometra Rocco Leva, arrestato nell’ambito dell’operazione “Cumbertazione”. L’inchiesta “Cumbertazione” aveva condotto al fermo in carcere, disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, del geometra Rocco Leva, accusato di associazione per delinquere finalizzata a commettere reati di turbativa d’asta, corruzione e falso ideologico, aggravati dalla finalità di agevolazione della ndrangheta nonché diverse ipotesi di turbativa d’asta pubblica aggravata dalle modalità mafiose. In seguito all’udienza di convalida il Leva era stato sottoposto agli arresti domiciliari poiché il gip presso il Tribunale di Palmi, dott. Paolo Ramondino, aveva escluso l’aggravante di aver favorito la ‘ndrangheta. Successivamente all’emissione dell’ordinanza con cui erano stati disposti gli arresti domiciliari gli atti erano stati inviati a Reggio Calabria per competenza funzionale. Avverso la nuova ordinanza la difesa del geometra Rocco Leva, rappresentata dall’avvocato Antonino Napoli (in foto), ha proposto riesame al Tribunale della Libertà di Reggio Calabria che, dopo aver ascoltato gli argomenti de difensivi, ha parzialmente accolto l’istanza riformando l’ordinanza impugnata sostituendo la misura degli arresti domiciliari, in corso di esecuzione a carico di Rocco Leva, con la misura interdittiva del divieto di esercitare la professione di geometra per la durata di mesi 12.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo