giovedì 23 novembre 2017 15:51
default-logo
Prefettura di Reggio Calabria (photo Domenico Notaro)

Riunione in Prefettura per le problematiche occupazionali del Porto di Gioia Tauro: clima disteso di dialogo e confronto tra le parti

Reggio Calabria. Il Prefetto Michele di Bari ha presieduto, nella mattinata odierna, presso il Palazzo del Governo, la preannunciata riunione per l’esame delle problematiche occupazionali del Porto di Gioia Tauro. All’incontro hanno partecipato l’Assessore Regionale ai Trasporti, il Direttore dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, il Direttore Generale della Medcenter Container Terminal, le Organizzazioni Sindacali FILT CGIL, FIT CISL, UIL Trasporti, UGL Mare e SUL C.T. La riunione ha registrato un clima di distensione tra le parti che, raccogliendo l’invito rivolto dal Prefetto, hanno mostrato apertura al dialogo e al confronto, dando atto da una parte dei risultati conseguiti con la sottoscrizione dell’Accordo di Programma Quadro nel cui ambito è stata istituita l’Agenzia per la somministrazione del lavoro portuale, e dall’altra parte di dover individuare un percorso capace di mitigare l’esubero stabilito.
L’Azienda e i Sindacati hanno, pertanto, convenuto di proseguire l’approfondimento delle tematiche emergenti in sede aziendale i cui esiti dovranno successivamente confluire nel Tavolo di mediazione avviato da questa Prefettura. Nel corso dell’incontro, inoltre, l’Assessore Regionale ai Trasporti ha dato comunicazione del trasferimento all’Autorità Portuale di 40 milioni di Euro, disposto con delibera recente, per i lavori di realizzazione del bacino di carenaggio nel Porto di Gioia Tauro, in coerenza con l’APQ sottoscritto nel luglio scorso presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Tale intervento consentirà una diversificazione delle attività portuali e, quindi, in prospettiva, il rilancio dell’infrastruttura e il conseguente innalzamento delle opportunità lavorative.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo