giovedì 26 aprile 2018 11:44
default-logo
Polizia Municipale Reggio Calabria

Finge di essersi ferita dalla caduta di un cornicione per truffare l’Inail: denunciata dalla Polizia Municipale

Reggio Calabria. Nell’ambito dello svolgimento dei servizi di istituto, personale del Comando Polizia Municipale nei giorni scorsi interveniva, unitamente ai Vigili del Fuoco e a personale del SUEM 118, nella zona nord della città ove era stato segnalato che una passante aveva subito un infortunio in area pubblica in conseguenza della caduta da un edificio di calcinacci ammalorati. Il personale in servizio, sin dai primi rilievi effettuati, intuiva la possibilità che i fatti segnalati alla Sala Operativa del Comando di P.M. potessero non corrispondere fedelmente alla realtà e che potessero emergere elementi di reità a carico della persona che aveva richiesto l’intervento. In particolare erano state rilevate delle incongruenze tra le dichiarazioni rese e la tipologia delle lesioni subite, per cui si rendeva necessario approfondire il caso con ulteriori incombenti istruttori. Per tale motivo, il personale del Nucleo Radiomobile del Comando, coordinato dall’Istruttore Direttivo Salvatore Garofano, avviava una articolata attività di indagine che consentiva la ricostruzione dei fatti smentendo quanto asserito dalla presunta infortunata. All’esito della stessa si accertava, quindi, che la persona richiedente l’intervento aveva simulato un infortunio sul lavoro in itinere. Pertanto, la responsabile, tale C.M.A., cittadina italiana di anni 35, è stata deferita all’autorità giudiziaria per procurato allarme, falso in atto pubblico e per truffa aggravata finalizzata a procurarsi un ingiusto vantaggio ai danni dell’Inail derivante dall’attivazione delle procedure per ottenere il trattamento economico e previdenziale non dovuto. Le attività di istituto del Comando proseguiranno nelle prossime settimane senza soluzione di continuità.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo