giovedì 19 aprile 2018 11:40
default-logo

Il commiato del Comandante della Legione Carabinieri della Calabria Andrea Rispoli

Reggio Calabria. Dopo essersi accomiatato dai “suoi” Carabinieri presso la sede del Comando Provinciale dell’Arma, circondato da una significativa rappresentanza di Ufficiali e Sottoufficiali, dai Responsabili delle Specialità e da numerosi componenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, il Generale di Brigata Andrea Rispoli, accompagnato dal Comandante provinciale, Giancarlo Scafuri, ha incontrato ieri in Prefettura per un saluto di congedo, dopo i due anni di encomiabile lavoro alla guida della Legione Calabria, il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, il Procuratore Distrettuale della Repubblica Federico Cafiero De Raho, il Questore, Raffaele Grassi ed il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Barbera. E’ stata un’intensa cerimonia di commiato, durante la quale il Generale Rispoli ha voluto ringraziare tutti i presenti per la straordinaria esperienza svolta in questa regione che lo ha fortemente arricchito sia professionalmente che umanamente.
Unanime il plauso per il suo impegno, caratterizzato da spiccato senso del dovere e da una incondizionata dedizione a servizio dello Stato e del bene comune. La Calabria certamente ne conserverà un ricordo indelebile, straordinario esempio di attaccamento ai valori dell’Arma e della Democrazia. Il Prefetto di Bari ha sottolineato come egli abbia saputo interpretare al meglio le esigenze di sicurezza dei calabresi, coordinando con equilibrio ed acume investigativo importanti e significative attività di prevenzione e contrasto nei confronti della criminalità organizzata conseguendo brillanti risultati e contribuire, così, a rinforzare la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni. Notevole è stato il contributo del Gen. Rispoli – continua di Bari- nel rafforzare la “Squadra Stato” per il contrasto della ‘ndrangheta. Il Procuratore De Raho ne ha messo in evidenza l’apporto fornito in termine di capacità investigative, di saggezza organizzativa e le spiccate doti di comando, che hanno favorito ed intensificato ulteriormente il clima di proficua collaborazione e sinergia istituzionale. E’ stato infatti, sempre disponibile ad offrire il suo ricchissimo patrimonio di esperienza, interpretando con acume le problematiche del territorio calabrese, le istanze dei calabresi ed il loro bisogno di giustizia e legalità.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo