lunedì 18 dicembre 2017 07:38
default-logo

Operazione Metauros: le mani della ‘ndrangheta sul termovalorizzatore e sul depuratore di Gioia Tauro. Foto nomi dettagli e video

Reggio Calabria. Alle prime ore della mattinata odierna, al termine di complesse e laboriose indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria con il supporto di numerosi presìdi tecnologici, investigatori della Squadra Mobile della Questura, del Comando provinciale e del Nucleo Operativo Ecologico dell’Arma dei Carabinieri di Reggio Calabria, hanno eseguito congiuntamente il decreto di Fermo di indiziato di delitto n. 3017/15 R.G.N.R./D.D.A. a carico di 7 soggetti, ritenuti responsabili dei delitti di associazione mafiosa (cosca PIROMALLI), concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di cui all’art. 7 della Legge n.203 del 1991, nonché un decreto di sequestro preventivo d’urgenza relativo alle quote azionarie di società operanti nel settore della depurazione e trattamento delle acque, trasporto e compostaggio dei rifiuti speciali non pericolosi.

L’inchiesta “Metauros” svolta dalla Polizia di Stato, svela, per la prima volta, il forte interesse della ‘ndrangheta nel business legato al “ciclo dei rifiuti”, accertando come la costruzione e la gestione dell’unico termovalorizzatore presente in Calabria, ubicato in Gioia Tauro, in Contrada Cicerna, in area prospiciente al porto, abbia risentito del continuo condizionamento con le organizzazioni criminali mafiose attive sul territorio di ubicazione ovvero il blocco mafioso facente capo ai Piromalli che ha condizionato anche la gestione del depuratore sito in Contrada Lamia di Gioia Tauro, gestito dalla “I.A.M.” (Iniziative Ambientali Meridionali SPA), società che, secondo quanto emerso delle parallele attività curate dall’Arma dei Carabinieri, è stata anch’essa sottoposta al pagamento della c.d. “tassa ambientale” da parte della stessa cosca, correlata al servizio dei trasporti dei rifiuti, detratta dai calcoli delle fatture gonfiate ad hoc.

I NOMI DEI SETTE FERMATI

Il decreto di fermo è stato eseguito nei confronti dei seguenti soggetti, fra cui un esponente di vertice della cosca Piromalli, alcuni imprenditori ed un legale:

  1. PIROMALLI Gioacchino, nato a Gioia Tauro (RC) l’01.01.1969, alias “l’Avvocato”;
  2. PISANO Giuseppe, nato a Polistena (RC) il 01.04.1973;
  3. PISANO Domenico, nato a Polistena (RC) il 14.07.1969;
  4. PISANO Paolo, nato a Gioia Tauro (RC) il 24.09.1979;
  5. LUPPINO Giuseppe, nato a Gioia Tauro (RC) il 05.03.1959;
  6. LA VALLE Rocco, nato a Villa San Giovanni il 12.05.1963;
  7. BARRECA Francesco, nato a Reggio Calabria il 12.06.1979.

 

LE ACCUSE

Nello specifico, PIROMALLI Gioacchino, PISANO Giuseppe, PISANO Domenico e PISANO Paolo sono indagati del delitto di associazione di tipo mafioso denominata ‘ndrangheta, nonché di intestazione fittizia di beni ed estorsione.
LUPPINO Giuseppe e LA VALLE Rocco sono indagati del delitto di concorso esterno in associazione mafiosa.
LA VALLE Rocco, PIROMALLI Gioacchino detto l’“Avvocato”, LUPPINO Giuseppe, PISANO Giuseppe, PISANO Domenico sono indagati altresì, insieme a COMMISSO Giuseppe detto il Mastro cl. 1947 (in atto detenuto), di estorsione aggravata dall’art. 7 della Legge 203/91, in danno delle società che nel tempo hanno gestito il termovalorizzatore di Gioia Tauro.
PIROMALLI Gioacchino, PISANO Domenico, LA VALLE Rocco e BARRECA Francesco sono anche indagati del delitto di estorsione aggravata dall’art. 7 della Legge 203/91, in danno dei titolari della società IAM addetta alla gestione dell’impianto di depurazione a Gioia Tauro.

LE INDAGINI

Le indagini sono corroborate dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia AIELLO Salvatore, RUSSO Antonio, MESIANI MAZZACUVA Pietro, FONDACARO Marcello e FURFARO Arcangelo, nonché delle dichiarazioni testimoniali di ORLANDINI Romolo (ex funzionario di Termomeccanica) e FICARA Candeloro Claudio (titolare di impresa operante nel settore del trasporto dagli stabilimenti calabresi al sito del termovalorizzatore), in relazione all’infiltrazione nell’appalto pubblico di costruzione e gestione dell’impianto di smaltimento dei rifiuti solidi urbani sito in contrada Cicerna di Gioia Tauro (i cui lavori di costruzione hanno avuto inizio nel luglio del 2002 e sono stati conclusi nel settembre del 2004), attraverso la creazione di ditte ad hoc, intestate a soggetti di propria fiducia, ovvero i fratelli Domenico, Paolo e Giuseppe PISANO, tutti sottoposti a fermo.
Le investigazioni si collocano nel contesto criminale di tipo ‘ndranghetista e trovano la loro origine in una conversazione intercettata dalla Polizia di Stato in data 21.06.2009 all’interno dell’abitazione sita a Granarolo dell’Emilia (BO) che era in uso a BELLOCCO Carmelo, elemento di spicco dell’omonima cosca, che consentiva di approfondire il contenuto di una parte della conversazione in cui i BELLOCCO mettevano in relazione PIROMALLI Gioacchino (alias “l’avvocato”) con l’inceneritore di Gioia Tauro e un soggetto di nome PISANO Domenico.
Ciò prospettò la possibilità di attualizzare la dimensione organizzativa degli interessi economici legati al c.d. “ciclo dei rifiuti” nel suo essere espressione di ‘ndrangheta, che si aveva contezza stesse sfruttando il particolare stato di “emergenza rifiuti” in cui la Calabria si trovava ormai da anni. In tale ottica, perciò, si ritenne quanto mai verosimile l’interessamento da parte della cosca Piromalli – attraverso la gestione indiretta del Termovalorizzatore di Gioia Tauro – considerato che le pregresse indagini avevano fornito un bagaglio conoscitivo utile a comprendere la loro capacità di penetrazione nei settori imprenditoriali, soprattutto attraverso il sostegno di numerosi congiunti ed accoliti.
Sulla base di una articolata attività di intercettazione effettuata dagli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria è stato possibile individuare l’operatività dei fratelli PISANO che, in considerazione delle opportunità presentatasi con la realizzazione del Termovalorizzatore, avrebbero attuato un progetto imprenditoriale ponderato dalle cosche locali, partecipando già ai lavori di edilizia nella fase di costruzione dell’impianto, svolgendo, come ditta individuale, l’originaria attività di carpenteria e successivamente entrando a far parte di imprese in possesso degli appropriati requisiti, necessari per poter operare nel settore specifico del “ciclo rifiuti”, oppure, in mancanza di essi, conseguendoli – a ragion veduta – tramite l’adeguamento delle già presenti qualifiche professionali, in modo da ottenere le competenze essenziali per rispondere alle nuove richieste di mercato.
Il termovalorizzatore di Gioia Tauro – strutturato come una centrale di produzione di energia elettrica che utilizza come combustibile il CDR (combustibile derivato dallo smaltimento dei rifiuti solidi urbani), con una capacità di 40 mila tonnellate di rifiuti solidi urbani all’anno – sia l’unico presente nel territorio calabrese ed ha un valore strategico per il ciclo dei rifiuti dell’intera Regione.

Anche sul versante della società vittima Termomeccanica si appurava il dato del pagamento di tangenti alle cosche per l’acquisto della sicurezza, la cd “tassa dell’ambiente” – su esplicita richiesta di LAVALLE Rocco – che venivano “traslate” formalmente sui vettori (ovvero le aziende deputate ai servizi di trasporto dei rifiuti dagli impianti di selezione al termovalorizzatore, costituite in ATI) e da queste “girate” in contanti alle ‘ndrine di riferimento.

Nel decreto di fermo sono confluiti gli esiti di un’altra indagine, coordinata dalla D.D.A. di Reggio Calabria e condotta dai Carabinieri del R.O.N.I. – Nucleo Investigativo e del Nucleo Operativo Ecologico di Reggio Calabria che, temporalmente, si pone come una prosecuzione dell’indagine “Metauros” che ha appurato come la ditta D.G.P. s.r.l. di PISANO Giuseppe espletasse, con continuità, attività lavorativa relativa alla manutenzione ordinaria e straordinaria all’interno dell’impianto di depurazione della I.A.M. s.p.a. di Gioia Tauro, vessata dalla ‘ndrangheta.
Ebbene anche in relazione a questa importante realtà imprenditoriale, è stato accertato che la stessa pagava “il pizzo” alla cosca Piromalli, che lo riscuoteva per il tramite dell’uomo di fiducia PISANO Domenico, cui la tangente veniva consegnata dall’amministratore delegato della IAM, con il sistema “dei consueti fondi neri” creati dalle imprese di trasporto; al riguardo, è stato proprio “fotografato” il passaggio di denaro dall’impresa di trasporto B.M. Service s.r.l. alla committente e il successivo passaggio dalla società gestore del depuratore ai referenti mafiosi del territorio, secondo il consueto meccanismo collaudato con l’estorsione ai danni di Termomeccanica e Veolia, che hanno gestito in fasi alterne il termovalorizzatore.
È stato appurato che in alcuni incontri riservati, che si svolgevano con linguaggio criptico, PISANO Domenico si sia fatto consegnare somme del tutto scollegate dalle prestazioni fornite, che rappresentano delle tangenti, che l’amministratore delegato aveva sua volta ricevuto da BARRECA Francesco, formale titolare della B.M. service s.r.l. (che stando alle dichiarazioni sul punto convergente di Aiello Salvatore e Ficara Candeloro Claudio era ditta altresì riconducibile a LA VALLE Rocco).
Gli incontri, caratterizzati da dazioni di somme di denaro, si sono svolti in maniera fugace e con cadenza mensile, generalmente tra la prima e seconda decade di ogni mese, da dicembre 2015 fino a maggio 2016.
L’inchiesta ha dimostrato così che, dopo l’esperienza decennale di lavoro presso il termovalorizzatore di Gioia Tauro, la ditta DGP (acronimo che indica i nomi dei fratelli Domenico, Giuseppe e Paolo PISANO) iniziò un rapporto di collaborazione con la I.a.m. per acquisire commesse nel sito del porto di Gioia Tauro, intrattenendo relazioni commerciali con la MCT.

Complessivamente, l’indagine sulla I.A.M., avviata nel 2014, ha documentato che, ad un certo punto, i rapporti tra i PISANO ed i PIROMALLI vennero ricuciti, tanto che PISANO Domenico (sostituendosi al fratello che, dopo il tentato omicidio a colpi di kalashnikov avvenuto il 14 dicembre 2013 mentre viaggiava a bordo di un veicolo Mitsubishi Pajero, dal quale scampò miracolosamente, si era trasferito in Toscana) riscuoteva per il tramite dell’amministratore delegato di quella azienda, le tangenti che la IAM pagava sui viaggi di trasporto eseguiti, commissionati alla B.M. Service di BARRECA Francesco e alla ditta EUROCOME di BAGALÀ Luigi Francesco (sottoposta a sequestro nel procedimento Cumbertazione per la sua riconducibilità alla famiglia mafiosa PIROMALLI), che venivano “girate”alla cosca di appartenenza.

Con separato decreto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia reggina, l’Arma dei Carabinieri ha eseguito il sequestro preventivo nei confronti di 19 titolari di imprese operanti nel settore dello smaltimento dei rifiuti operanti in provincia di Reggio Calabria e in quelle di Catania, Siracusa e Trapani, in relazione all’ipotesi delittuosa di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti.
In particolare, l’attività investigativa ha originariamente monitorato il funzionamento dell’imponente impianto di depurazione di Gioia Tauro gestito dalla società Iniziative Ambientali Meridionali. (I.A.M) S.p.A. (interessata dal presente provvedimento), in cui confluiscono, ogni giorno, i reflui fognari dei comuni di Anoia, Cinquefrondi, Cittanova, Feroleto della Chiesa, Melicucco, Polistena, San Giorgio Morgeto, Taurianova, Laureana di Borrello, Galatro, Gioia Tauro, Rosarno, Palmi, San Ferdinando, Rizziconi, per un indotto complessivo pari a 150.000 abitanti.
Le indagini, in particolare, hanno documentato come amministratori e gestori della I.A.M., al fine di risparmiare sugli onerosi costi di smaltimento, si siano disfatti di ingenti quantitativi di rifiuti in maniera illecita, attraverso il conferimento di fanghi di depurazione, provenienti da impianti di tipo biologico ed industriale, per la produzione di compost per usi agronomici. Veniva in tal modo elusa, con il coinvolgimento di impianti di compostaggio siciliani e di ditte di trasporto reggine, la normativa vigente in materia di fertilizzanti.
Le accertate criticità ambientali connesse con l’illecita gestione dell’imponente impianto di depurazione gestito dalla società e all’illecito smaltimento di ingenti quantitativi di rifiuti destinati a compiacenti impianti di compostaggio siciliani, hanno determinato l’autorità giudiziaria a disporre il sequestro preventivo degli impianti e delle società coinvolte.
In sostanza, chiusa la parentesi decennale al termovalorizzatore, a PISANO Domenico venne ritagliato analogo spazio presso l’azienda di depurazione, un tempo attribuitogli nell’altro impianto.

L’operazione Metauros costituisce la naturale prosecuzione delle indagini Cent’Anni di Storia, Mediterraneo, Atlantide e Provvidenza condotte nel tempo dalla Procura della Repubblica – D.D.A. di Reggio Calabria nei confronti delle cosche imperanti nell’area della Piana di Gioia Tauro che, nel corso degli anni, hanno portato alla disarticolazione del cartello mafioso dei Piromalli e dei Molè.

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar


Articoli recenti o correlati