venerdì 20 aprile 2018 20:18
default-logo

Il Comune di Campo Calabro promuove la Via Popilia con lo spin off Urban Lab e il Club per l’Unesco

da:
Commenti: Off

Campo Calabro (Reggio Calabria). Il Comune di Campo Calabro, lo spin-off Urban Lab dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e il Club per l’UNESCO di Campo Calabro hanno sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato alla valorizzazione integrata dei resti della Via Annia Popilia.
Il protocollo prevede:
– la realizzazione di iniziative a carattere culturale, finalizzate al confronto scientifico e alla diffusione della conoscenza sulla Via Annia Popilia;
– la costituzione di una rete dei Comuni, a partire da quelli calabresi, nei quali sono presenti resti della Via Annia Popilia e individuare le forme di raccordo, anche in termini di eventuali nuovi soggetti giuridici, più idonee alla programmazione e implementazione di azioni di valorizzazione;
– l’individuazione di eventuali ulteriori partner da coinvolgere e con i quali sviluppare le necessarie sinergie;
– l’avvio dello studio di ipotesi di valorizzazione integrata delle altre risorse identitarie, materiali e immateriali, presenti nei territori attraversati dalla Via Annia Popilia;
– l’individuazione di opportunità di finanziamento delle azioni di valorizzazione ipotizzate;
– la realizzazione di azioni sperimentali.

La Via Annia Popilia in epoca romana collegava Reggio a Capua, attraversando quindi tutta la Calabria:
la volontà dei sottoscrittori è quello di coinvolgere i circa trenta Comuni per costituire un itinerario
turistico che consenta una piena valorizzazione delle risorse culturali presenti lungo il tracciato.
In questa prospettiva, il Sindaco Repaci si è già attivato per il coinvolgimento delle altre amministrazioni comunali interessate. “L’approvazione del protocollo, sottolinea Repaci, mette le basi per un percorso di progressivo coinvolgimento dei soggetti istituzionali interessati in una dimensione interregionale, che dia respiro ad azioni tese allo sviluppo del territorio, l’incremento dell’offerta turistica e il rafforzamento delle risorse identitarie dei Comuni della Via Popilia. Siamo lieti di mettere le risorse e le relazioni del nostro Comune a disposizione di un progetto che negli anni futuri potrà assumere una dimensione ed una rilevanza internazionale”.
Il prossimo appuntamento sarà un evento finalizzato a far dialogare il mondo scientifico, l’associazionismo e le amministrazioni: gli studi in corso sul tracciato e sul patrimonio presente nei suoi dintorni saranno diffusi per attivare iniziative concrete di valorizzazione.

Articoli recenti o correlati