venerdì 20 aprile 2018 20:21
default-logo
Amici del Museo convention sul bergamotto

La convention degli “Amici del Museo” su “Reggio Calabria e il suo bergamotto”

Reggio Calabria. Con la partecipazione del pubblico delle grandi occasioni, si è tenuta, al ristorante ‘l’Accademia’ di Reggio Calabria, la convention conviviale organizzata dall’Associazione Amici del Museo, in collaborazione con la Fondazione Mediterranea, la Fidapa RC Morgana, le Delegazioni dell’Area Grecanica e della Locride dell’Accademia Italiana della Cucina, l’UNUCI, l’Associazione 50&+, i Lions Club Reggio Calabria host e Reggio Calabria Magna Grecia, l’AIPARC. Tema: ‘Reggio Calabria e il suo bergamotto’. Hanno relazionato l’avv. Ezio Pizzi, Presidente del Consorzio per la tutela del Bergamotto reggino, il rag. Pasquale Conti, un Vicepresidente dell’Associazione Amici del Museo, il dr. Francesco Crispo, già Direttore del Consorzio del Bergamotto e il Presidente dell’Associazione Amici del Museo, dr. Francsco Arillotta. Gli argomenti rispettivamente trattati: ‘Il bergamotto reggino: cosa ci ha dato e cosa ci può ancora dare’; ‘L’importanza del bergamotto nella Dieta Mediterranea’; ‘Il Consorzio del Bergamotto di Reggio Calabria’; ‘Breve storia del citrus bergamia e della sua essenza’. Il Presidente Pizzi ha efficacemente ripercorso le tappe più significative dell’azione del suo Consorzio, per la valorizzazione anche economica della filiera del bergamotto, a partire dalla sua preziosa essenza, per finire con le applicazioni delle straordinarie proprietà sanitarie e all’impiego del succo nel campo della gastronomia – era presenete anche Fortunato Marino, pasticcere reggino antesignano in questo campo – e della liquoristica. Conti ha brillantemente illustrato il posto di tutto rilievo che è ornai unanimemente riconosciuto al frutto del bergamotto nella Dieta Mediterranea, mentre Crispo ha ampiamente sottolineato i grandi meriti che il Consorzio reggino del bergamotto ha avuto nel garantire la continuità della difesa dell’essenza, anche in tempi difficili. Arillotta, infine, ha evidenziato l’intento dell’Associazione Amici del Museo, di coinvolgere, in un percorso comune, con altre Associazioni Culturali e di Servizio, la Cittandinanza, sui grandi temi della Storia Reggina. Egli ha, nel merito, fissato, inoltre, le date fondamentali della storia del ‘citrus bergamia’, il 1702, quando Giovan Paolo Feminis ne utilizzò la, fino a quel momento sconosciuta, essenza, per la sua aqua mirabilis, creando il prototipo dei profumi moderni, e il 1726, quando la prima pianta di bergamotto fu messa a dimora in campo aperto a Reggio, salvamdo così, per sempre, la produzione di essenza di bergamotto e ponendo le premesse per la rivoluzione internazionale della profumeria di alta classe. È seguita la consegna dei souvenirs artistici ai relatori e all’operatore Antonino Cotrupi, consistenti in un frutto di bergamotto in ceramica adagiato su un cartiglio decorato, realizzati dalla Socia prof.ssa Minella Bellantonio. Conclusa la parte strettamente culturale, il maestro chef Filippo Cogliandro ha proposto ai presenti i suoi famosi piatti al bergamotto, riscuotendo generali e unanimi consensi.

Articoli recenti o correlati