martedì 24 aprile 2018 00:44
default-logo
L'iniziativa Nonni su Internet

Apprendimento intergenerazionale. Al via all’Istituto “Vitrioli-Principe di Piemonte”: nonni su internet

Reggio Calabria. Anche quest’anno sono ripartiti i corsi del progetto “Nonni su Internet”, giunto alla 16ª edizione nell’anno scolastico 2017-2018. Lo scorso 6 febbraio il progetto ha preso il via presso l’istituto comprensivo “Vitrioli-Principe di Piemonte” di Reggio Calabria, scuola coordinata dalla dirigente Orsola Latella, su proposta dell’Antes di Reggio Calabria, presidente Francesco Pellicanò e segretaria Rosalba Mallamo. L’obiettivo del piano biennale “Nonni SUD Internet”, promosso dalla fondazione Mondo Digitale e svolto in partnership con l’associazione “Anteas”, è quello di estendere il modello di apprendimento intergenerazionale. Oggi tale metodologia, una vera e propria scuola di welfare, è un modello di intervento nazionale e transnazionale. “Nonni su Internet” è un piano di alfabetizzazione digitale per gli over 60, su base volontaria, ideato dalla fondazione “Mondo Digitale” nel 2002, per avvicinare gli anziani all’utilizzo del computer.
Il programma intende promuovere, in particolare, l’inclusione sociale delle categorie più svantaggiate, con particolare attenzione agli anziani. Il corso, interamente gratuito, strutturato in 12 lezioni di due ore ciascuno, che si svolgono con cadenza settimanale, si pone l’obiettivo di insegnare l’abc del computer, dall’accensione alla navigazione in internet, dall’uso della posta elettronica ai social network, oltre ai programmi di messagistica più comuni come WhatsApp e Skype. Di particolare interesse anche l’impiego dei servizi digitali delle Pubbliche amministrazioni e l’uso dell’applicazione che rendono più semplice le attività quotidiane più comuni (poste italiane, spesa a domicilio etc.). I docenti del corso sono gli stessi alunni della scuola primaria, coordinati dall’insegnante Gabriella Caridi, animatore digitale dell’Istituto. Quello svolto presso l’I.C. “D. Vitrioli – Principe di Piemonte”, unico nel suo genere tanto da poter rappresentare un progetto pilota a livello nazionale, assume anche una straordinaria valenza sociale in quanto i tutor degli over 60 sono i nipoti stessi dei nonni frequentanti il corso.
Un’occasione veramente particolare per uno scambio di esperienze e di conoscenze intergenerazionali, che ne facilitano l’apprendimento, ma anche un modo diverso di interazione emozionale-educativo tra nonni e nipoti. Il corso ha creato un grande entusiasmo tra i partecipanti, stimolando il desiderio di rimettersi in gioco, quasi in una continua sfida con sé stessi. Sono tanti gli argomenti che si stanno affrontando, anche di grande utilità, e molti di essi hanno avuto un effetto “wow”! Il poter digitare un testo vocalmente, trasferire le foto dal telefonino ad un drive virtuale, prenotare il ticket agli uffici postali, evitando lunghe file, tanto per citarne alcuni, diventa un’esclamazione di meraviglia continua. Un effetto sorpresa che traspare ad ogni nuova scoperta e che stimola ad ogni appuntamento nuove richieste e desiderio di imparare nuovi contenuti e “trucchi”, portando con se anche i propri strumenti informatici. Ma l’aspetto più emozionante è la tenerezza degli abbracci e la complicità creatasi tra i nonni ed i nipoti, che regalano quel senso di gratitudine che va molto al di là del progetto stesso e che ripaga tutti gli attori del progetto per essere riusciti a coniugare innovazione ed inclusione sociale.

Articoli recenti o correlati