martedì 24 aprile 2018 00:51
default-logo

Il “Fuori Sede” dell’Associazione Escursionistica Gente in Aspromonte, 7 giorni alla scoperta di “Grecia Classica e Meteore”

Reggio Calabria. Domani, giovedì 29 marzo, inizierà una settimana di intense attività per l’Associazione Gente in Aspromonte che, come preannunciato nell’opuscolo Programma Escursionistico 2018, ha organizzato il primo dei due “fuori programma” che porterà i soci alla scoperta dei tesori dell’antica Grecia e non solo. Un viaggio dal taglio prettamente culturale attraverso il quale i partecipanti potranno scoprire, “passeggiando” nella storia antica e a dir poco venerabile di questa terra, siti storici e archeologici classici, partendo, solo per citarne alcuni, con la visita allo stretto Passo delle Termopili, dove Leonida alla guida di 300 valorosi spartiati riuscì a fermare temporaneamente l’avanzata dell’esercito invasore persiano di Serse, al Santuario di Apollo a Delfi, Ombelico del Mondo per gli antichi, all’Acropoli e ai diversi altri siti classici di Atene, al Tempio di Poseidone eretto su uno spettacolare promontorio a picco sull’Egeo, e ancora visitando il celeberrimo Teatro di Epidauro, Nauplio, la Tomba di Agamennone e la cittadella fortificata di Micene e infine Olimpia.
Tanti i Musei, i quartieri storici e gli altri siti delle epoche successive a quella della Grecia Classica che saranno visitati, il tutto attraversando un territorio di grande interesse naturalistico e paesaggistico, quanto mai vario e affascinante. Prima tappa del lungo viaggio in pullman la Tessaglia, dove, attraversate le montagne del Pindo, colonna vertebrale del paese, si entrerà nella grande pianura centrale di Grecia, e si giungerà alle Meteore, importante centro della chiesa ortodossa dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco. In questo luogo straordinario, tra i più visitati della Grecia, inizierà un incantevole trekking attraverso la “foresta di rocce”, uniche dal punto di vista geologico, che si innalzano in un paesaggio bizzarro e magnifico.
Sugli imponenti pinnacoli di roccia, i sorprendenti solitari monasteri creati per monaci e suore che seguivano l’insegnamento della Chiesa Ortodossa Greca, molti dei quali accessibili attraverso scalinate ricavate all’interno delle formazioni rocciose. che ci porterà a vedere dall’ esterno anche i rimanenti monasteri.su impressionanti pinnacoli di roccia sedimentaria levigata, sorgono i monasteri delle Meteore. raggiungiamo le pendici del Parnaso e le rocce Castalie che guardano il Golfo di Corinto. Visitiamo qui il Museo Archeologico di Delfi.
Tantissimi i soci che hanno premiato il lavoro di Gente in Aspromonte aderendo numerosi e con entusiasmo all’iniziativa: un gruppo di quasi quaranta appassionati, provenienti dall’intera provincia di Reggio Calabria, accompagnati dalle piccole mascotte Arianna, Bruno, Leo e Paolo, tutti pronti a divertirsi insieme partecipando a questa esperienza straordinaria.

Articoli recenti o correlati