sabato 21 aprile 2018 11:12
default-logo
La presentazione dei risultati del PLL

Rossano. Il sindaco Mascaro: «Abbiamo le carte in regola per lo sviluppo»

Rossano (Cosenza). “In un anno e mezzo di governo, nonostante tutte le difficoltà ed emergenze che abbiamo dovuto e saputo affrontare, abbiamo anche contribuito a dimostrare, attraverso la messa in atto di iniziative di comunicazione strategica e di marketing territoriale senza precedenti, che come Città d’arte, insieme a tutto il territorio, abbiamo le carte in regola per intercettare, nei prossimi mesi ed anni, il grande flusso ed indotto turistico che già oggi non può essere più gestito e sopportato nelle regioni limitrofe, Puglia e Basilicata in primis, guardando soprattutto a ciò che sta accadendo e dovrà ancora determinarsi con Matera 2019 – Capitale della Cultura. Investire, quindi, nella formazione di giovani professionalità diventa indispensabile per governare questa sfida che la Città unica Corigliano – Rossano non potrà non cogliere”.
È quanto ha dichiarato il Sindaco Stefano Mascaro intervenendo ieri (martedì 27) insieme all’assessore alle politiche comunitarie Serena Flotta all’evento di presentazione dei risultati del Pll – Piano locale per il lavoro terre joniche silane. All’incontro erano presenti anche le tutor referenti per la Regione Calabria Caterina Nano ed Emilia Mazzei.
L’obiettivo – ha aggiunto la Flotta – era quello di creare un punto di incontro tra le realtà produttive e queste giovani professionalità. Ci siamo riusciti e per questo non possiamo che ringraziare quanti hanno contribuito a questo risultato che dovrà essere punto di partenza per future occasioni ed opportunità di sviluppo per questo territorio.
Coordinati da Benedetta De Vita responsabile dell’Ufficio Europa e che ha seguito l’animazione territoriale che coinvolge 19 comuni, schierati al tavolo della presidenza, sono intervenuti per presentare gli obiettivi dei propri progetti i 9 titolari dei voucher finanziati dalla Regione che in questi mesi hanno sviluppato, perfezionato, concretizzato e messo in rete, all’interno e al fianco delle aziende che hanno aderito, le proprie proposte.
La realizzazione di story telling delle famiglie storiche del territorio, espressione di un’identità che non può essere dimenticata (Erminia Madeo); un progetto di autoimpiego che prevede la creazione di un’impresa di servizi con piattaforma web che coinvolga attività ricettive legate al turismo eco-sostenibile (Giuseppe Villella); trasferire le competenze acquisite e in fase di perfezionamento nella valorizzazione digitale del branding (Massimiliano Candia); creare una filiera di attori pubblici e privati che favorisca la fruizione del territorio e porti vantaggi sia dal lato della domanda che dell’offerta turistica (Veronica Comite); creare un distretto turistico-culturale tra comuni, associazioni, imprese per migliorare la vivibilità ed il godimento sostenibile delle realtà urbane aderenti (Silvio Sommario); istituzionalizzare un processo di sviluppo dal basso che possa dare lustro a questa terra (Preziosa Filippelli); formazione di una figura tecnica professionale in grado di offrire una consulenza completa alle aziende agricole, dalla coltivazione alla commercializzazione dei prodotti (Carmine Novellis); costruire e promuovere itinerari tematici meglio conosciuti come percorsi enogastronomici e promuovere la coesione tra diversi soggetti economici per la creazione di una rete di imprese (Achiropita Sommario); realizzazione di un’agenzia di comunicazione integrata, aule multimediali, studio di produzione e registrazione e co-working space (Giovanni Madeo).

Articoli recenti o correlati