giovedì 26 aprile 2018 05:17
default-logo

Il Comitato dei lavoratori Lsu-Lpu ed ex Art.7: «Grazie a chi ha riconosciuto i nostri diritti»

Reggio Calabria. La settimana subito dopo Pasqua si è aperta con un evento storico per la nostra città, che ha cambiato la vita di 112 famiglie reggine. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Falcomatà, grazie alla sinergia con la Regione Calabria nella persona del consigliere Sebi Romeo, è riuscita ad ottenere un risultato sul quale in tanti ormai non speravano più e sul quale si è lavorato in squadra per il sommo obiettivo del bene comune: il riassorbimento dei lavoratori ex Lsu/Lpu ed ex art.7 che erano stati trasferiti dall’amministrazione comunale nel 2007 all’interno della Multiservizi, che per colpe non loro, si erano ritrovati senza lavoro dall’oggi al domani con la liquidazione della società dovute alle infiltrazione della ‘ndrangheta. Un risultato che va ascritto principalmente alla tenacia dimostrata dal sindaco Falcomatà e dal consigliere Sebi Romeo, che si sono spesi in questi anni, in collaborazione con gli altri amministratori del Comune, della Città Metropolitana e della Regione, per fare in modo che i diritti di noi lavoratori fossero definitivamente riconosciuti attraverso il reintegro nell’organico comunale.
In questi giorni, dopo la bellissima cerimonia che ha segnato il nostro primo giorno di lavoro, alla presenza del Sindaco Falcomatà e del consigliere Romeo, si è ascoltato e letto veramente di tutto, soprattutto polemiche sollevate, in maniera strumentale, da qualche gruppetto di persone che invece di pensare al bene dei lavoratori, tenta di fare politica spicciola agitando fantasmi che non esistono. Noi non ci stiamo a queste stupide strumentalizzazioni. Noi siamo entrati a far parte del bacino regionale degli Lsu-Lpu alla fine degli anni novanta con selezioni di evidenza pubblica. La verità è che sia il sindaco Falcomatà che il consigliere regionale Romeo fin dal loro insediamento hanno preso contezza della situazione incolpevole di noi lavoratori, prendendosi carico del problema che riguardava 112 famiglie reggine e lavorando per sbrogliare la matassa che si era generata nel tempo. E di fronte a questo percorso avviato e perseguito è da sottolineare il senso di responsabilità e il grande spirito di collaborazione tenuto da noi lavoratori, che mai abbiamo pensato di agitare polemiche nei confronti di chi, dal primo giorno, si è impegnato a risolvere questo problema che oggi, con nostra grande soddisfazione. Per noi è una nuova ripartenza ci auguriamo che la sinergia tra Comune e Regione continui per definire nel più breve tempo di legge la nostra definitiva contrattualizzazione.

Il Comitato dei lavoratori Lsu-Lpu ed ex Art.7

Articoli recenti o correlati