domenica 22 aprile 2018 10:44
default-logo

Lavori SP 2 Bovalino-Bovalino Superiore: prima di ferragosto sarà ultimato l’intervento

Reggio Calabria. Prima di Ferragosto sarà ultimato l’intervento sulla SP 2 tra gli abitati di Bovalino e Bovalino Superiore. I lavori, finanziati con il bilancio della Provincia, sono stati consegnati questa mattina all’impresa ASE S.p.A, in applicazione della procedura dell’Accordo Quadro per l’affidamento di “lavori, servizi e forniture per la manutenzione e gestione integrata della rete viaria provinciale”. L’intervento riguarda la stabilizzazione di un segmento viario interessato da una frana, caduta negli anni scorsi in prossimità del chilometro 91+730. Direttore dei lavori e responsabile unico del procedimento (RUP) sono, rispettivamente, l’architetto Anna Meduri, del settore Viabilità della Provincia e l’ing. Domenica Catalfamo, dirigente dello stesso settore dell’Ente guidato da Giuseppe Raffa. Nei prossimi 50 giorni, l’impresa ASE dovrà realizzare un muro in gabbioni metallici per la stabilizzazione del corpo stradale; la demolizione del piano viario e la ricostruzione della sovrastruttura; il rifacimento del manto stradale e la risagomatura della scarpata. “L’avvio dei lavori consente il ripristino e la messa in sicurezza di questo tratto di SP 2 interessata alla caduta di una frana. Per la soluzione di questo problema, gli uffici tecnici della Provincia hanno dovuto richiedere l’intervento del Genio Civile per il rilascio dell’apposito nulla osta, considerato che i lavori rientrano tra le opere geotecniche. L’impegno da noi assunto subito dopo l’evento franoso, peraltro ribadito in diverse occasioni, è stato mantenuto a conferma dell’interesse particolare che la Provincia riserva alla rete viaria di competenza e alla sua sicurezza. Da sempre sosteniamo che le strade sono opere di ingegneria sociale e che dalla loro percorribilità dipende lo sviluppo delle aree interne sempre più alle prese con il fenomeno della desertificazione demografica”.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo