mercoledì 25 aprile 2018 21:36
default-logo
Dalila Nesci

Sanità. Nesci (M5s) interroga il governo sulle procedure delle nuove assunzioni

Reggio Calabria. «Ho chiesto al governo come verranno fatte le nuove assunzioni nella sanità calabrese e ho chiesto controlli rigidi, chiarezza e rispetto assoluto della legge, senza più raccomandazioni politiche e altre ingiustizie che finora hanno caratterizzato l’amministrazione sanitaria della Calabria». Lo annuncia la deputata M5s Dalila Nesci, con riferimento a una sua specifica interrogazione, presenta oggi alla Camera e centrata sulle prossime assunzioni con cui le aziende sanitarie e ospedaliere della Calabria rimpiazzeranno parte del personale in pensione. «La questione assunzioni – spiega la parlamentare M5s – è alla base di tutto, visto che non c’è più personale negli ospedali. Nel 2008 la commissione ministeriale Serra-Riccio rilevò un’illegalità profonda, diffusa e nociva nella sanità regionale, che oggi la Calabria non può più permettersi. C’è bisogno di qualità e sicurezza, poiché i reparti sono all’osso per i tagli che i governi hanno disposto subendo la grande truffa dell’euro e delle banche. Assumere medici, infermieri e oss su richiesta dei boss della politica sarebbe una follia con effetti devastanti». «Intanto le strutture di pronto soccorso – continua la parlamentare 5 stelle – stanno scoppiando. Se le assunzioni non saranno rapide e legali, avremo presto guai irrimediabili. Come ho visto nelle mie ispezioni dentro gli ospedali, la mancanza di personale ha creato problemi enormi, aumentando i rischi e stressando i sanitari». «Da oggi il governo sa – conclude Nesci – che sulle nuove assunzioni nella sanità calabrese non potranno esserci violazioni di legge o calci della politica, perché denunceremo tutto alla magistratura, che, come dimostra Rimborsopoli, non sta a guardare».

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo