giovedì 19 aprile 2018 23:30
default-logo

Armi e munizioni: due arresti dei Carabinieri a Cataforio

Reggio Calabria. Continuano senza sosta i servizi disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli relativi alle armi e agli stupefacenti.
Tali servizi attuati a mezzo delle Compagnie Carabinieri dislocate sull’intera provincia reggina, in questi giorni, hanno richiesto l’impiego di numerose pattuglie dell’Arma dei Carabinieri in una mirata strategia operativa finalizzata a contrastare la recrudescenza della citata fenomenologia criminale, eseguendo controlli e perquisizioni personali e domiciliari che già hanno consentito il rinvenimento di numerose armi, munizionamento ed ordigni rudimentali.
Proprio in tale contesto nel pomeriggio 24 gennaio 2017, in Reggio Calabria, la Compagnia cittadina diretta dal maggiore Mariano Giordano, con l’impiego sul territorio delle dipendenti Stazioni Reggio Calabria – Rione Modena agli ordini del maresciallo aiutante Andrea Levi, alla Stazione Cataforio agli ordini del maresciallo capo Giuseppe Crucitti e con l’ausilio dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno tratto in arresto due individui per detenzione di armi alterate, detenzione illegale di armi comuni da sparo e ricettazione:
MACHEDA Antonio di anni 63, reggino;
MACHEDA Emilio di anni 56, reggino.
Nei fatti, i Carabinieri, a conclusione di una perquisizione locale effettuata presso un terreno agricolo nel quale si accedeva unicamente dalla proprietà dei due, ubicato in Contrada Cavallaro, hanno rinvenuto, occultato tra la vegetazione, un contenitore in plastica sigillato contenente:
n. 1 pistola marca Beretta cal 7,65, mod. 34 con matricola abrasa con caricatore inserito con all’interno n. 07 cartucce piu n. 01 cartuccia incamerata;
N. 1 pistola marca Beretta cal7,65 mod. 21 con matricola abrasa con caricatore inserito con all’interno n. 07 cartucce;
N. 1 pistola marca Renato gamba mod. Revolver cal. 38 speciale  con matricola punzonata con caricatore inserito con all’interno n.7 cartucce piu n. 01 cartuccia incamerata;
N. 1 caricatore per pistola cal 7,65 con all’interno n. 07 cartucce;
N. 1 caricatori per pistola cal 7,65 uno con all’interno n. 08 cartucce;
N. 52 cartucce per pistola cal. 7,65;
N. 36 cartucce gfl cal. 9×21;
N. 36 cartucce cal. 38 special.
Le armi rinvenute e poste sotto sequestro, saranno inviate presso i laboratori tecnico/balistici dell’Arma, al fine di accertare se le stesse siano state utilizzate in fatti delittuosi avvenuti nell’area metropolitana.
Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria -Arghillà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar

Commenta l'articolo