domenica 22 aprile 2018 00:56
default-logo

Traffico di rifiuti. Operazione di Polfer e Carabinieri Forestali: 52 indagati

Reggio Calabria. Lo scorso 24 febbraio, a seguito di una lunga ed articolata operazione di polizia giudiziaria contro l’illecita gestione e traffico di rifiuti speciali e non, svolta da personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Calabria e del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri Forestale di Reggio Calabria, sono state indagate in stato di libertà, dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, 52 persone, ritenute responsabili, in concorso, del reato di traffico illecito di rifiuti speciali. L’indagine ha consentito di individuare nella Ditta “Ambiente & Servizi S.r.L”, di Praticò Domenico e soci, il collettore principale dove venivano illegalmente conferiti i rifiuti. Il personale del Compartimento di Polizia Ferroviaria di Reggio Calabria, unitamente ai militari del Gruppo Carabinieri Forestale Calabria, coadiuvati da personale dell’Arma Territoriale e da personale della locale Questura, ha proceduto, altresì, all’esecuzione del decreto di sequestro preventivo, emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, dei locali siti in via Padre Catanoso a Reggio Calabria, adibiti alla raccolta dei rifiuti, gli attrezzi di pesa, tre veicoli industriali nonché i conti correnti bancari e postali intestati ai soci della ditta. Nell’ambito della medesima attività sono stati sequestrati 40 veicoli, dislocati anche in altre Regioni italiane, utilizzati da privati per il conferimento dei rifiuti pericolosi.
In una delle autovetture poste sotto sequestro sono stati rinvenuti e sequestrati 30 proiettili cal.7,65 ed il proprietario del veicolo, già detenuto per porto abusivo d’arma da fuoco, è stato denunciato all’autorità giudiziaria anche per possesso illegale di munizionamento. L’attività di polizia giudiziaria è stata svolta in quartieri ad alta densità criminale ed i servizi sono stati svolti con la collaborazione di personale della Questura ed in particolare della Squadra Mobile, dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, del Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica e dei Commissariati della provincia. Inoltre, tenuto conto delle criticità che l’operazione avrebbe potuto avere sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, sono state anche impiegate unità del locale XII Reparto Mobile.
Le attività svolte hanno consentito di smascherare un’organizzazione criminale che operava in totale spregio delle normative di legge, con danni per l’uomo e per l’ambiente.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo