venerdì 27 aprile 2018 08:52
default-logo

Gioia Tauro. Sequestrati 147 kg di “cicerello”

Gioia Tauro (Reggio Calabria). Nel corso di una operazione notturna effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di Gioia Tauro, congiuntamente al personale del Compartimento di Polizia Stradale, hanno ispezionato un automezzo – intercettato presso la piazzola di sosta situata al km 387 dell’autostrada A3 (ora A2) – direzione sud da una pattuglia dipendente dalla Sottosezione Autostradale di Palmi – con a bordo 31 cassette di prodotto ittico della specie “Gymnammodytes cicerelus”, comunemente detto “cicerello”. Di tale specie, spesso confusa con il novellame di sarda per via delle ridotte dimensioni, non è vietata la commercializzazione per violazione della normativa vigente in materia di taglia minima consentita per la cattura, poiché il cicerello anche da adulto difficilmente supera pochi centimetri di lunghezza. Tuttavia, a seguito della verifica della documentazione esibita dal conducente – un uomo di nazionalità cingalese ma residente nel messinese – i militari hanno accertato che il pesce era trasportato senza la documentazione richiesta dalla vigente normativa di settore ai fini della tracciabilità del pescato e, in particolare, in violazione del Decreto legislativo n. 4 del 2912 e del Regolamento (CE) n. 1224 del 2009. Accertato l’illecito amministrativo, il personale operante ha proceduto ad elevare a carico del conducente e, quale obbligato in solido, del proprietario dell’automezzo – anche questi residente in Sicilia – una sanzione amministrativa di € 1.500 procedendo, altresì, al sequestro del prodotto ittico illegalmente trasportato per la successiva confisca. Una volta accertata la non idoneità al consumo umano del pesce sequestrato da parte del veterinario di turno dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria – Sezione di Palmi, su indicazione dello stesso, il prodotto ittico risultato pari a complessivi 147 kg è stato distrutto. L’operazione compiuta si inserisce nella quotidiana attività della Capitaneria di porto di Gioia Tauro finalizzata al controllo della filiera ittica ed alla prevenzione e repressione delle violazioni in materia di illecita commercializzazione del pescato, in attuazione delle proprie competenze e prerogative istituzionali e, in particolare, nel perseguimento della corretta informazione del consumatore finale e della tutela della salute pubblica.

Articoli recenti o correlati

Commenta l'articolo